La nuova sede
L’origine del Complesso dell’Annunziata risale al 1585
quando donna Faustina Machirelli Carradori fece
avviare la costruzione del monastero francescano femminile di cui divenne poi badessa fino al 1601. Il convento nel corso degli anni successivi vide aumentare notevolmente il numero delle monache e nel 1798, al momento delle soppressioni, ospitò anche le clarisse espulse dal Convento di S. Stefano. Successivamente (1823) l’Annunziata venne destinata alle Alunne di S. Giuseppe, una delle numerose organizzazioni di assistenza cittadine che si occupava di giovani orfane, trasformata in epoca più recente (1913) nell’Orfanotrofio femminile Carolina Ponti.
Il complesso architettonico ha subito nel tempo numerose modifiche e parziali ricostruzioni; tra queste si ricordano i lavori di adattamento affidati all’architetto Luigi Orsini per l’apertura nel 1905 della Scuola Femminile di avviamento professionale. Il convento rimase adibito ad uso scolastico per gran parte del ‘900. Fino al 1977 ha ospitato l’Istituto Professionale Cassiano da Imola.
La superficie complessiva del complesso è di 4.000 mq a cui si aggiungono 2.000 mq di aree cortilive e i 3.500 mq del Parco delle verziere.
Lo spazio destinato alla nuova sede della Scuola di musica è complessivamente di 1.200 mq suddiviso in due piani. Gli spazi sono stati oggetto di un intervento di riordino complessivo, in particolare per quanto riguarda l’impiantistica, e sono stati adattati ed attrezzati per l’utilizzo musicale.